sommario dei post

sabato 28 ottobre 2017

§308. La Fontana del Principe, 2013-2017, un affronto.

Questa volta invito gli interessati a condividere questo scritto, magari non solo sulle proprie pagine, ma anche su quelle di quanti 'possono', per le cariche ricoperte o per altri motivi che non mi pertiene elencare. Il titolo dello scritto doveva essere 'La fontana del Principe, 2013-2017, un raffronto', ma poi scrivere 'un affronto' mi è sembrato più indicato, quasi naturale.
Lasciare le cose belle, le cose attraverso le quali la storia ci parla, in condizioni come quelle che ho qui cercato di rappresentare, è qualcosa di estremamente grave, ancor più in un territorio dove il degrado la fa da padrone. Non occorrono, o non occorrevano, opere colossali o impegni finanziari insostenibili per aiutare a sopravvivere un monumento come questa fontana, di straordinaria bellezza senza dubbio alcuno. Stiamo semplicemente ignorando questa piccola perla del territorio cirotano prima, marinoto poi, ma solo per motivi di suddivisione amministrativa: sto dicendo che quella fontana è un simbolo di entrambi i comuni psicronei, e chi conosce la storia di quei territori credo ne convenga senza tentennamenti.
Dirò, per essere forse più amari e precisi, che stiamo accompagnando, senza nemmeno l'evidenza di qualche piccolo sforzo, questo emblema della nostra storia verso un fine vita senza arte né parte, un dissolvimento silenzioso, una sparizione tra le tante, un'altra rovina senza nome, se non nel ricordo di un qualche silenzioso Don Chisciotte che in ciabatte sfida rovi e cannamasca per fare qualche foto.
Altro scritto su questo blog: 24.0.4 Fontana della Lice e Torre Vecchia, Cirò Marina, 1.


















Nessun commento:

Posta un commento